Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

ORGANICI DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA- EXTRA MOENIA - CONVOCAZIONE 2.5.2017 ORE 9.30

BASILICATA, PRESENTAZIONE DE ?LA GIORNATA DELLA LEGALITÀ, CULTURA PER IL FUTURO?

FOTO MANIFESTAZIONE 26 APRILE LECCE

TRATTAMENTO PENSIONISTICO IN CASO DI DISPENSA DAL SERVIZIO A CAUSA DI MALATTIA

U.O. REPARTO FEMMINILE LA MADDALENA

PAGAMENTO FESI 2016 E RESIDUO FESI 2015

ACCORDO FESI 2017, LA NOTA ESPLICATIVA DEL DAP

PIACENZA, GLI AGENTI DELLA PENITENZIARIA AL GUARDASIGILLI: ARRIVATI ALTRI 20 DETENUTI, LE CHIEDIAMO AIUTO

LECCE, SINDACATI ALL'ATTACCO "SI RIMANDI L'APERTURA DEL REPARTO PSICHIATRICO"

SANREMO, CONDOTTA ANTI SINDACALE ED ALTRE IRREGOLARITA

VERBALE RIUNIONE DEL 10 APRILE 2017 - SCHEMA DI D.M. RELATIVO ALLA RIDETERMINAZIONE DEI CONTINGENTI POLIZIA PENITENZIARIA

CASA CIRCONDARIALE DI MILANO - TARGA COMMEMORATIVA AL M.LLO FRANCESCO DI CATALDO

CASA CIRCONDARIALE DI MELFI - LOCALI DESTINATI AL NUCLEO TRADUZIONI E PIANTONAMENTI

COMMISSIONE DI GARANZIA ART.29 DPR 164-02, TRASMISSIONE PCD 26.4.2017. I COMPONENTI TITOLARI E SUPPLENTI

ON LINE IL NUOVO SAPPEINFORMA: N. 13 DEL 26.04.2017!

RIORDINO DELLE CARRIERE: IL PARERE (FAVOREVOLE) DEL CONSIGLIO DI STATO

NOVATE, DETENUTO ARMATO DI LAMETTA MINACCIA GLI AGENTI

SICILIA, MANCATA LIQUIDAZIONE STRAORDINARIO PERSONALE POLIZIA PENITENZIARIA

DETENUTO SI SUICIDA IN CELLA A SAN VITTORE

SALERNO, ESPLODE UN ORDIGNO: TENSIONE IN CARCERE

CARCERE, PIU' TUTELA ALLA SALUTE

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITA: ORGANIGRAMMA SEDE CENTRALE DGM

SALERNO, LO STATO DI AGITAZIONE E LA COERENZA DEL SAPPE

SOSPENSIONE E REVOCA DELLA PATENTE DI SERVIZIO ED EFFETTI SULLA PATENTE CIVILE: PARERE CONSIGLIO DI STATO

ALBA, COMUNICATO CONGIUNTO SAPPE OSAPP E USPP

"A BOLLATE NOI DEL SAPPE SIAMO I SOLI A DENUNCIARE..."

PERUGIA, RISSA TRA DETENUTI IN CARCERE GIOVANE FINISCE ALL'OSPEDALE

LANCIANO, DISSERVIZI IN MENSA. GLI AGENTI PROTESTANO

CORSO PER CAVALIERI - SCUOLA INFERFORZE FORESTA BURGOS: RISCONTRO ALLA NOTA SAPPE

BOLLATE: LETTERA AL QUOTIDIANO IL DUBBIO DOPO L'ARTICOLO SUL CARCERE A TRATTAMENTO AVANZATISSIMO

>>   Senato: audizione presso la Commissione Difesa sul riordino delle carriere del personale del Comparto Sicurezza e Difesa


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.