Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

NUOVO DIARIO PROVE SCRITTE DEL CONCORSO A 300 ALLIEVI AGENTI DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA MASC

RIORDINO DELLE CARRIERE: ECCO IL PROVVEDIMENTO PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

ANNULLATI I CONCORSI DA AGENTE - 300 POSTI UOMO E 100 POSTI DONNE

NUOVO DIARIO PROVE SCRITTE DEL CONCORSO A 100 ALLIEVI AGENTI DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA FEMM

NAPOLI, PAURA NEL CARCERE DI POGGIOREALE FIAMME IN UNA CELLA

SALERNO, RISSA FRA DETENUTI, FERMATI IN QUATTRO

FERRARA, AGENTI NEL CAOS, LA RABBIA DEL SAPPE

VITERBO, LA PROTESTA DELLA POLIZIA PENITENZIARIA "AGGRESSIONI E CARENZE DI PERSONALE"

ASSEGNAZIONE DEFINITIVA DEL COMANDANTE DEL REPARTO II PP DI REGGIO EMILIA

VELLETRI, SUICIDIO DETENUTO IN CARCERE. SAPPE: SOTTOVALUTATO NOSTRO ALLARME BOMBOLETTE

PAOLA, SUICIDI IN CARCERE RISPOSTA DEI MINISTRI AGENTI ESTRANEI AI FATTI

PISA, "UN ATTACCO PERICOLOSO E GRAVE E' UN SEGNALE DA NON SOTTOVALUTARE"

PISA, DETENUTO BRUCIA MATERASSO "DON BOSCO AD ALTA TENSIONE"

SALERNO, RISSA TRA DETENUTI CON COLTELLO FERITI IN QUATTRO

PISA, NORDAFRICANO DA' FUOCO A UN MATERASSO

PISA, "SICUREZZA E CARENZE NESSUNO ASCOLTA LE NOSTRE RICHIESTE"

NAPOLI, FIAMME A POGGIOREALE, SFIORATA LA STRAGE

PRATO SUICIDA IN CELLA COL GAS E UN SACCHETTO "MENZOGNE SU DI ME"

NAPOLI, PRESUNTE VIOLENZE E "CELLA ZERO": INTERVIENE IL SAPPE

TRIESTE, "CARCERE AFFOLLATO, SEMPRE PIU' RISSE"

ARIANO IRPINO, FURGONE DELLA PENITENZIARIA IN FIAMME SULL'A16: E' POLEMICA

TORINO, ROM DI 22 ANNI EVADE E LASCIA LA FIGLIA DI UN ANNO E MEZZO

PISA, ESPLOSIONI NELLA NOTTE: TRE MOLOTOV COLPITA LA POLIZIA PENITENZIARIA

CONCORSO AGENTI: ECCO LE DATA DELLA BANCA DATI QUIZ ED I CALENDARI DELLE PROVE

EMERGENZA IDRICA ARIANO IRPINO

CAMPANIA, NUCLEI PROVINCIALI MOBILITÀ E RICHIESTA CHIARIMENTI

PERUGIA, DIETRO LE SBARRE I CONTI NON TORNANO POCHI AGENTI E RECLUSI TROPPO "LIBERI"

FORLI, CARCERE, DUE AGENTI AGGREDITI

PADOVA, "DUE PALAZZI, SITUAZIONE INSOSTENIBILE"

NUOVO SISTEMA INFORMATIVO SIAT 2.0 FORMAZIONE FOCAL POINT

>>   Carcere Perugia Capanne: SAPPE denuncia le criticità del penitenziario


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 03/2016








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.