Sappe - Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria


Le ultime 30

ATTRIBUZIONE NOMINA "COORDINATORE" AD ASSISTENTI CAPO (ANNO 2010 E 2011)

COMMISSIONE DI GARANZIA - RINVIO CONVOCAZIONE DEL 27.2.2018

POTENZA, GARANTE NAZIONALE DETENUTI INTERVIENE SULLE CARENZE IGIENICO SANITARIE DEL REPARTO GIUDIZIARIO

RISCONTRO NOTA VICE CAPO DAP: CORRETTIVI DA APPORTARE AL RIORDINO DELLE CARRIERE - INTEGRAZIONE

CONCORSO INTERNO PER LA NOMINA A 643 VICE ISPETTORI, RISCONTRO NOTA SAPPE

MOBILITÀ A DOMANDA DEL PERSONALE DEL CORPO DI POLIZIA PENITENZIARIA - CONVOCAZIONE 1°.3.2018

STIPENDI ALLIEVI AGENTI

ALLOGGI DI SERVIZIO ANNESSI ALLA C.C. TRENTO. APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 6 E 13 DEL D.P.R. N. 314/2006

SCHEMA D.M. GIUSTIZIA PER L'INDIVIDUAZIONE NELL'AMBITO DELLA D.G. DEL PERSONALE E DELLE RISORSE DELL'UFFICIO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. CONVOCAZIONE 26.2.2018

ESITI COMMISSIONE RICOMPENSE, SEDUTA DEL 21.02.2018 - AREA RISERVATA-

AVERSA, INAUGURATA DAL SEGRETARIO GENERALE DONATO CAPECE LA SEGRETERIA SAPPE INTITOLATA ALLA MEMORIA DELL'AMICO E PRESIDENTE NICOLA CASERTA

PRAP TORINO, RISCONTRO COMUNICATO UNITARIO CONGIUNTO PRAP TORINO - SAPPE - OSAPP - SINAPPE E USPP

CONCORSO INTERNO 32 POSTI ISPETTORE SUPERIORE: LA DATA DELLA PROVA SCRITTA

RISCONTRO NOTA VICE CAPO DAP: CORRETTIVI DA APPORTARE AL RIORDINO DELLE CARRIERE

COMUNICATO UNITARIO CONGIUNTO PRAP TORINO - SAPPE - OSAPP - SINAPPE E USPP

CONCORSO 1220 AGENTI POLIZIA PENITENZIARIA: NUOVO RINVIO PER PUBBLICAZIONE BANDO CONCORSO

173 CORSO AGENTI, SCUOLA DI CAIRO MONTENOTTE: ACCERTAMENTI SU MALORI ALLIEVI. RISCONTRO DAP

RIFORMA PENITENZIARIA, AUDIZIONI AL SENATO: LE OSSERVAZIONI DEL DOTT. SEBASTIANO ARDITA

COMUNICAZIONE INDIZIONE CONFERENZA STAMPA PER IL GIORNO 16.01.2018 PRESSO LA C.C. DI POTENZA

SOLLECITO RISCONTRO DEL GOVERNO ALLA NOTA NOSTRA NOTA: A BREVE L'APERTURA TAVOLI CONTRATTUALI PER LA PARTE NORMATIVA

D.LGS. N.95 DEL 27 MAGGIO 2017 - NUOVE TABELLE EQUIPARAZIONE RUOLI PERSONALE FORZE DI POLIZIA E PERSONALE COMPARTO MINISTERI

CONTRATTO DI LAVORO, SOLLECITO APERTURA TAVOLO PARTE NORMNATIVA

CASA CIRCONDARIALE PALMI, CRITICA OPERATIVE

CONCORSO INTERNO PER LA NOMINA A VICE ISPETTORI: SOLLECITO DETERMINAZIONI

TRIESTE, GRANDE SUCCESSO PER IL CARNEVALE DEI BAMBINI SAPPE-SAP-CONAPO

I DIRIGENTI DEL DAP CONTINUANO NEL TENTATIVO DI ANNIENTARE L'IDENTITA E LE PREROGATIVE DI POLIZIA AL CORPO: ECCO L'ULTIMA PERLA!

TURI, SPACCIO AGENTI E RELAZIONI SINDACALI

PALERMO UCCIARDONE, DISFUNZIONI ORGANIZZAZIONE LAVORO DEL PERSONALE POLIZIA PENITENZIARIA

TORINO, ANNO NUOVO E PROBLEMI VECCHI...

MOBILITA' A DOMANDA DEL PERSONALE DEL RUOLO SOVRINTENDENTI

>>   22 gen 2018 - RINNOVO CONTRATTO - Intervento di Donato Capece


Sappe Informa
SAPPEINFORMA N. 25/2017








Pensione ordinaria


CHE COSA E'

Prestazione vitalizia e riversibile erogata al personale della Polizia Penitenziaria che cessa dal servizio.

TIPOLOGIA DELLA PENSIONE

Pensione di vecchiaia, di anzianità, per destituzione, per dispensa, di riversibilità.


1) Pensione di vecchiaia

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che cessano dal servizio per limiti di età

Le lavoratrici della Polizia Penitenziaria, che hanno il limite di età superiore a 60 anni, possono accedere dal 1/1/1996 al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 60 anni (giusta art. 2 punto 21 della legge 335/95).


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei limiti di età.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


2) Pensione di anzianità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che intendano cessare dal servizio e che abbiano i requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva, previsti o dalla Tab. B allegata al D. Leg.vo 165/97, così come modificata dall'art. 59, comma 12 della legge n.449/97 o dalla Tab. D prevista dalla legge 449/97.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

Su domanda dell'interessato che, ai sensi dell'art.59 comma 21,della legge n. 449/97, non può essere presentata prima di dodici mesi dalla data indicata per l'acceso al pensionamento.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


3) Pensione per destituzione

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria, destituiti dal servizio, acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per i pensionamenti di anzianità.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della destituzione dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P. che dopo aver acquisito la documentazione amministrativa, emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità dell'Ufficio del Controllo della Corte dei Conti.


4) Pensione per infermità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I dipendenti della Polizia Penitenziaria che sono dispensati dal servizio per infermità e che hanno un'anzianità contributiva effettiva di 12 anni e utile di 15 anni.


DECORRENZA

Dal giorno successivo a quello della dispensa dal servizio.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti..


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.


5) Pensione di riversibilità

CHI HA DIRITTO ALLA PRESTAZIONE

I superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in attività secondo il seguente ordine: coniuge, figli minori o studenti (sino al compimento del 21° anno d'età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari), orfani inabili a carico del dipendente, genitori con almeno 65 anni di età o inabili non titolari di pensione, a carico del dipendente , fratelli celibi e sorelle nubili inabili non titolari di pensione e a carico del lavoratore.

E' inoltre necessario che il dipendente della Polizia Penitenziaria abbia maturato 15 anni di servizio utile o 5 anni di contribuzione


DECORRENZA

Dal primo giorno del mese successivo alla morte del dipendente


DURATA

Finchè perdurano le condizioni soggettive richieste dalla legge per acquisire il diritto.


COME SI OTTIENE LA PRESTAZIONE

D'ufficio.


COMPETENZA

D.A.P., che emette formale provvedimento di liquidazione della pensione, soggetto al controllo successivo di legittimità delle competenti Delegazioni regionali della Corte dei Conti.


PAGAMENTO

L'INPDAP eroga il trattamento di pensione agli aventi diritto con pagamento della prestazione mediante riscossione diretta presso gli uffici postali designati dagli interessati o con accreditamento su c/c bancario o postale.